Dieci idee per l’istruzione del 21° secolo

wifi

4. Attingere alle competenze digitali degli studenti

Immaginate di dover svolgere un compito urgente che richiede di fare della ricerca. Purtroppo non potete accedere al computer e non vi è permesso di usare il vostro smartphone. Cosa fate? Sembra ovvio che oggi qualsiasi attività professionale realizzata in queste condizioni sarebbe priva di ogni rilevanza. La tecnologia ha rivoluzionato il nostro rapporto con il mondo reale dove ormai diamo per scontato la possibilità di accedere ovunque e in qualsiasi momento alle informazioni.

Questo è ancora più evidente per i giovani che sono cresciuti con la tecnologia come parte integrante e sempre presente della loro vita. Gli studenti di oggi sono investigatori naturali, ricercatori e sintetizzatori di informazioni. Queste abilità possono essere oggetto di un uso potente in ogni classe, i giorni delle ICT come disciplina insegnata nel laboratorio di informatica sono contati.

L’introduzione della tecnologia nell’apprendimento è la cosa più semplice che si possa fare per consentire agli studenti di attingere a risorse su grande scala, con la profondità che nessuna biblioteca scolastica potrebbe mai eguagliare. E non si tratta solo di raccolta di informazioni, i siti dei social network possono incoraggiare l’apprendimento peer to peer e la ricerca collaborativa.

Al Science Leadership Academy di Philadelphia, Stati Uniti d’America, ad esempio, gli studenti ricercano su Facebook gruppi scientifici che forniscono materiale di ripasso, video, link ad articoli e forum a cui le scuole possono contribuire e utilizzare per il proprio apprendimento.

Chat online, instant messaging ed e-mail possono contribuire a rafforzare il rapporto studente-insegnante, mentre gli hashtag di Twitter consentono agli studenti di postare osservazioni durante gli esperimenti scientifici e visite sul campo. Siti di blog forniscono al lavoro degli studenti un pubblico immediato che va ben oltre la loro tradizionale platea di insegnanti e compagni di classe. Alla Heathfield Primary School di Nottingham, Regno Unito, bambine e bambini di cinque anni tengono il blog delle loro lezioni, innalzando i livelli di alfabetizzazione. Ogni settimana viene premiato il blog migliore che riesce a comunicare con altri bimbi nel mondo.

Alcune scuole stanno permettendo agli studenti di utilizzare i loro telefoni in classe, sfruttando i metodi di comunicazione e di ricerca che usano nella loro vita quotidiana, eliminando la necessità di costosi computer portatili.

Le scuole di Lewisville, in Texas, incoraggiano l’uso dei telefoni cellulari come strumenti di apprendimento attraverso il programma Bring Your Own Technology. Durante la lezione, gli studenti postano domande e commenti che vengono visualizzati sulle lavagne interattive in modo che tutta la classe li possa vedere. Questo incoraggia il dibattito e aiuta gli studenti più insicuri o che temono di fare domande stupide.

In scuole come l’Ørestad Gymnasium, in Danimarca, dove istruzione e tecnologia sono indissolubilmente legate, gli insegnanti dedicano tempo per preparare gli studenti all’uso delle tecnologie per l’apprendimento, allo sviluppo delle competenze necessarie a valutare l’attendibilità delle fonti e a risolvere problemi complessi utilizzando strumenti di ricerca adeguati. La responsabilità per la scelta e l’utilizzo delle tecnologie è nelle mani degli studenti, che presentano i loro lavori nel formato che ritengono migliore come risultato del loro apprendimento, tra cui la creazione di progetti in podcast che conciliano audio, testo, immagini e video. Gli smartphone sono utilizzati per registrare le lezioni e gli esperimenti scientifici, oltre che per l’editing e la revisione.

Utilizzare le tecnologie in cui gli studenti sono già ben versati è un potente strumento per supportare l’apprendimento basato sulla ricerca individuale e la collaborazione tra pari, accrescere gli standard degli elaborati scritti e consentire occasioni immediate di riflessione e di valutazione.

La tecnologia ha il potere di coinvolgere gli studenti, integrandola nell’ambiente di apprendimento la scuola e la vita degli studenti, anziché vivere in perenne divorzio, si incontrano, con il risultato che gli studenti sono più impegnati ad apprendere sia dentro che fuori della scuola.

(precedente)                                                                                                     (continua)

Annunci

One thought on “Dieci idee per l’istruzione del 21° secolo

I commenti sono chiusi.